Categorie
Champions League

History calling

Un Liverpool lanciatissimo in tutte le competizioni e che viene da almeno due mesi fantastici, adesso è chiamato all’ultimo step che lo separa da un’altra storica finale di Champions: il Villarreal, vera sorpresa di questo torneo. A dir la verità, gli spagnoli sono solo relativamente una sorpresa, sia perché lo scorso anno hanno conquistato l’Europa League, sia perché sono allenati da un vero maestro delle gare di coppa, Unai Emery, con il quale Klopp ha un conto in sospeso!

Jürgen è assolutamente pronto per conquistare un’altra finale

Questo allenatore, che da sempre è un uomo dai moltissimi fatti e dalle poche parole, ha vinto per ben 4 volte l’Europa League (record assoluto), facendo un tris con il Siviglia dal 2014 al 2016, raggiungendo anche la semifinale con il Valencia ed un’altra finale alla guida dell’Arsenal, persa nettamente per 4-1 contro il Chelsea. Se a questo aggiungiamo le sei coppe nazionali vinte con il PSG, allora non dobbiamo sorprenderci del cammino del Villarreal quest’anno in Champions, un percorso che ha lasciato sul terreno due illustri vittime che rispondono ai nomi di Juventus e Bayern Monaco.

Il “sottomarino giallo” è una formazione compatta, solida, fisica e tattica, per cui non è un avversario facile per nessuno, inoltre è una squadra che è molto temibile in contropiede. Dall’altra parte però c’è un Liverpool assetato di storia, che vuole la terza finale in 5 anni e soprattutto vuole la rivincita contro Emery, che nel 2016 fu a dir poco favorito dall’arbitraggio in quella sfortunata finale di Basilea, in cui i Reds dominarono nel primo tempo e avrebbero dovuto chiudere il discorso già nella prima frazione, prima del crollo nella ripresa.

Per grandi occasioni servono grandi calciatori…

Adesso però è il momento di pensare al presente e i Reds, dopo una stagione straordinaria in cui sono arrivati in fondo in tutte le competizioni, devono concretizzare e conquistare qualche trofeo “pesante” per poter davvero entrare nell’Olimpo e regalare un sogno a noi tifosi, che ormai abbiamo fatto il palato alle vittorie e ci sentiamo in procinto di rivivere qualcosa di grande, qualcosa vissuto solo negli anni 70-80. Tutti si chiedono quale sia il miglior avversario per la finale, ma in realtà bisogna essere concentrati solo ed esclusivamente sul Villarreal, che è squadra ben più ostica del Benfica e che sarà motivatissima, perché per loro questa sarebbe la prima finale di Champions della storia e la seconda finale europea consecutiva, un bottino niente male per una cittadina di appena 50000 abitanti, che già da circa un ventennio si fa rispettare in patria e in Europa.

Ibou a segno nelle ultime due di Champions: potrebbe essere di nuovo la sua partita

I Reds, dopo l’esaltante semifinale di Wembley contro il Manchester City, hanno forse raggiunto la definitiva consapevolezza dei loro mezzi e la certezza di potersela giocare contro qualsiasi avversario. Ovviamente anche Anfield farà la sua parte, come sempre avviene in queste serate dall’atmosfera affascinante e spesso magica. Speriamo che la magia di Anfield possa guidare i ragazzi anche questa volta, perché sarebbe fondamentale andare in Spagna con un vantaggio rassicurante ed una finale ipotecata.

La Champions, con il suo eterno fascino, ci farà assistere a due semifinali in cui due inglesi se la vedranno con due spagnole. Come finirà l’eterna sfida tra questi due campionati di altissimo livello? Chi vivrà vedrà.

Forza ragazzi, fateci ancora sognare…

Una risposta su “History calling”

Temo questa partita in modo particolare , Emery schiera sempre squadre rognose in più arrivano belli riposati .. non giocano da una settimana e sono belli freschi .. servirà una grande partita.. forza ragazzi !

Rispondi a André piro Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *