Categorie
Premier League

Bad day at the office

Il Liverpool esce sconfitto dallo scontro al vertice dell’Emirates, rimanendo in testa ma con il vantaggio sui Gunners che si riduce.

I Reds, reduci dalla roboante vittoria col Chelsea, devono fare a meno, oltre che di Salah e Endo, anche di Szoboszlai per un problema muscolare, mentre Núñez è costretto alla panchina, anch’egli acciaccato. Assente anche il giovane Bradley, dopo la triste notizia della scomparsa del padre. Questi gli undici scelti da Klopp:

La prima vera occasione è per l’Arsenal con Saka, che di testa non riesce a indirizzare in porta dopo una grande sgroppata di Martinelli sulla sinistra. Ci prova Gakpo subito dopo, ma il suo rasoterra dal limite termina di poco a lato. Al 14’ il gol che sblocca la partita: Ødegaard lancia in porta Havertz, Alisson respinge ma il pallone termina sui piedi di Saka, che a porta vuota fa 1-0.

L’Arsenal fa la partita, mentre il Liverpool sembra fare fatica. Un’altra mezza occasione per i padroni di casa con Gabriel, ma il suo tiro non impensierisce troppo Alisson. Nel finale di tempo, a sorpresa, arriva il goal del pareggio. Díaz riceve il pallone in area ma viene fermato da Saliba, che però temporeggia troppo, e il colombiano riesce a far carambolare il pallone su Gabriel, per l’autogol che vale un insperato 1-1.

Grande persistenza del colombiano

Nella ripresa il Liverpool comincia con più convinzione e va subito vicino al gol con un tiro a giro di Jones, che finisce di poco fuori alla sinistra di Raya. L’Arsenal risponde con un tiro deviato di Ødegaard e un colpo di testa di Gabriel, entrambi fuori bersaglio.

Al 66’ l’episodio che cambia di nuovo la gara: lancio lungo di Gabriel dalla difesa, malinteso disastroso tra Van Dijk e Alisson, Martinelli ringrazia e appoggia il pallone nella porta ormai sguarnita: 2-1. Nelle fasi finali ci provano senza successo prima Mac Allister, poi il subentrato Núñez, mentre Kiwior spreca l’occasione per chiudere definitivamente la partita.

A due minuti dalla fine il Liverpool resta anche in 10 per l’espulsione di Konaté. Ci pensa allora Trossard in pieno recupero a blindare la vittoria, con il suo tiro che viene deviato da Van Dijk e passa sotto le gambe di Alisson.


Finisce 3-1, una sconfitta pesante in uno scontro diretto che riapre i giochi in testa alla classifica. Ma non c’è tempo per recriminare, Sabato ad Anfield arriva il Burnley, bisogna subito rimettersi in marcia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *