Categorie
Europa League

Vincere è una bella abitudine

Una qualificazione ormai in tasca, ed un’agenda fitta di impegni e densa di notizie per il Liverpool Football Club, hanno spostato in un cassetto polveroso e dimenticato l’impegno finale del girone di Europa League: una trasferta in Belgio, per affrontare Giovedì sera l’Union Saint-Gilloise.

Non parlo della famosa birra locale, già ben nota agli esperti degustatori delle brasserie come “Cuvée Saint-Gilloise”. Questo antico equivoco, ormai fin troppo abusato, è ormai da tempo superato: il merito é della temibile rappresentativa calcistica dell’Union Saint-Gilloise, acronimo USG, protagonista allo stato dell’arte di una stagione finora estremamente competiva nella prima divisione del Belgio.

Da uno sguardo fugace e superficiale, appare già chiaro che la classifica sorride in pieno ai “giallo-blu”: in testa alla Pro League in solitaria con 41 punti e ben 6 di vantaggio dall’Anderlecht, club storico ben più famoso e noto alle cronache calcistiche. Adesso un Union Saint-Gilloise motivatissimo è pronto ad accogliere il Liverpool nella sua casa. Giovedì sera i belgi hanno ancora la chance di guadagnarsi il passaggio del turno, qualora un loro ipotetico successo contro di noi dovesse coincidere con una sconfitta a sorpresa del Tolosa contro il LASK.

Aggiungiamo al calderone un altro ingrediente prezioso: il sapore storico di una sfida unica con i Reds. Per l’occasione è pronto un allestimento particolare, da esporre all’interno dello stadio Joseph Marien poco prima del fischio d’inizio: un vetro colorato, con un disegno particolare che raffigura in modo simmetrico giocatori in giallo e rosso ed una didascalia particolare.

Indizi più che sufficienti per capire fino in fondo che tipo di attesa vive in queste ore la cittadina belga, ed il significato di portata storica del match. Già il fatto di potersi misurare con il Liverpool è per i nostri avversari un privilegio ed un sogno che si realizza. Mentre noi attendiamo quest’ultimo turno del girone di Europa League con le stesse palpitazioni che precedono una formalità burocratica da sbrigare, per la cittadina di Saint-Gilles la stessa partita significa davvero tutto.

In press conference le domande dei Media a Klopp hanno riguardato la carriera di Matip, l’infortunio di Mac Allister ed al massimo il mercato passato, presente e futuro del club. Non una curiosità particolare o un quesito da porre al manager sul match infrasettimanale di Europa League. Eppur si gioca domani sera, ed il Liverpool si é allenato al 100%, come sempre del resto, per preparare la partita al meglio e chiudere in bellezza la prima fase della sua avventura europea in questa stagione, perchè vincere è una sana abitudine ed il metodo più efficace per continuare a vincere.

Uno scioglilingua monotono se volete ma utile per tornare al ragionamento iniziale. Dite ciò che preferite sull’Union Saint-Gilloise e quest’ultimo turno del girone di Europa League in apparenza insignificante, ma conta la sostanza: domani i Reds scendono in campo, e lo fanno contro un avversario ostico e determinato.

Il Liverpool ha confermato la lista ufficiale dei 23 convocati per questa trasferta. Un elenco che non include Alisson Becker, Mohamed Salah, Trent Alexander-Arnold e Virgil van Dijk, i quali si godono così un turno di riposo completo. Ovviamente anche Mac Allister resterà a casa e non viaggerà insieme al gruppo. Klopp si é soffermato sulle condizioni del campione del mondo argentino: “Ha una ferita profonda, che si estende dal muscolo all’osso. Dobbiamo attendere fino a che il gonfiore all’osso é sparito, così come il dolore. Da quel punto in poi, speriamo che nei prossimi tre o quattro giorni lui possa fare dei progressi significativi.”

Salutiamo con gioia il gradito ritorno di Kaide Gordon nel manipolo di under 23 selezionati per affrontare i belgi. Dopo un lungo infortunio, il ragazzo potrà finalmente unirsi alla prima squadra del Liverpool, insieme ai suoi compagni Doak, Scanlon, Pitaluga, McConnell, Koumas, Hill, Bradley, Mrozek e Chambers. Plausibile ipotesi è che una fetta di questi ragazzi della nostra fantastica Academy entra nella formazione iniziale di domani.

Con fiducia della maturità e della forza che mostreranno in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *